Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2009 June;58(6) > Minerva Stomatologica 2009 June;58(6):247-61

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2009 June;58(6):247-61

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Ricolonizzazione del cavo orale da parte di streptococcus mutans dopo l’applicazione di un protocollo di antisepsi meccanica/chimica

Farina R., Squarzoni M. A., Calura G., Trombelli L.

Research Centre for the Study of Periodontal Diseases, University of Ferrara Ferrara, Italy


PDF


La colonizzazione batterica delle superfici dentali da parte di Streptococcus mutans (StrepM) rappresenta un fattore di rischio maggiore per lo sviluppo della carie dentaria. Ad oggi, nessuno studio clinico ha esaminato, in una popolazione di soggetti parodontalmente sani, l’effetto di un protocollo di antisepsi meccanico/chimico sulla carica batterica di StrepM nel distretto orale e il pattern di ricolonizzazione di StrepM quando quest’ ultimo viene eradicato con successo.
Obiettivo. Il presente studio è stato disegnato al fine di 1) determinare le variazioni della carica batterica di StrepM nella saliva e nella placca dopo l’ applicazione di un protocollo di antisepsi meccanica/chimica; e 2) valutare il pattern di ricolonizzazione di StrepM quando StrepM è stato eradicato con successo da saliva e placca.
Metodi. Trentacinque soggetti parodontalmente sani e suscettibili alla carie hanno completato la fase sperimentale. Al baseline, è stata eseguita una sessione di terapia parodontale non-chirurgica in accordo ai principi della full mouth disinfection. E’ stato prescritto l’utilizzo domiciliare di un collutorio a base di clorexidina 0,2% per la settimana seguente. La concentrazione di StrepM è stata valutata nella saliva e nella placca di ciascun soggetto al momento dello screening iniziale, al baseline e a distanza di una settimana, 1 mese, 3 mesi e 6 mesi dalla terapia.
Risultati. E’ stato osservato un effetto significativo del “tempo” sulla concentrazione di StrepM nella saliva e nella placca (P<0,000). Nei soggetti nei quali StrepM è stato eradicato con successo a 1 settimana dalla terapia (N=17 campioni di placca), la recidiva dell’ infezione da StrepM è stata avvenuta nell’ arco dei 3-6 mesi successivi.
Conclusioni. I risultati del presente studio dimostrano che 1) l’ applicazione del protocollo di antisepsi meccanica/chimica in esame possono ridurre efficacemente la carica batterica di StrepM nella saliva e nella placca di soggetti parodontalmente sani; e che 2) nella placca, l’ infezione da StrepM tende a recidivare nei 3-6 mesi successivi al trattamento.

inizio pagina