Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2008 July-August;57(7-8) > Minerva Stomatologica 2008 July-August;57(7-8):359-67

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Stomatologica 2008 July-August;57(7-8):359-67

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Tecnica modificata per l’utilizzo dell’endoscopio in chirurgia endodontica: un caso clinico

Taschieri S., Rosano G., Francetti L., Agliardi E., Del Fabbro M.

Department of Health Technologies University of Milan IRCCS Galeazzi Orthopedics Institute, Milan, Italy


PDF


Lo scopo di questo lavoro è di illustrare una nuova tecnica di utilizzo dell’endoscopio in microchirurgia endodontica. L’intervento è stato eseguito su un elemento che presentava una lesione di origine esclusivamente endodontica. È stato realizzato un lembo a spessore totale con incisione alla base della papilla. Dopo aver creato un accesso attraverso la corticale si è proceduto alla rimozione della lesione, alla resezione apicale e alla preparazione della cavità retrograda tramite un inserto diamantato montato su una fonte a ultrasuoni. Successivamente la cavità retrograda è stata otturata con un cemento all’ossido di zinco EBA-rinforzato. Le operazioni eseguite a livello dell’apice sono state effettuate utilizzando l’endoscopio come mezzo di magnificazione. L’immersione della lente dell’endoscopio in soluzione fisiologica di cui veniva riempita la cavità ossea, contribuiva a migliorare la qualità visiva e a mantenere pulita la lente. A distanza di un anno è possibile evidenziare il buon risultato dell’intervento, sia dal punto di vista radiografico che clinico. In conclusione, nel caso clinico esposto, l’endoscopio ha permesso di ottenere un’ottima visuale del campo operatorio durante la preparazione retrograda.

inizio pagina