Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2007 January-February;56(1-2) > Minerva Stomatologica 2007 January-February;56(1-2):53-61

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Stomatologica 2007 January-February;56(1-2):53-61

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Rimozione di impianti a lama con piezosurgery: due casi clinici

Sivolella S. 1, Berengo M. 1, Fiorot M. 2, Mazzuchin M. 2

1 Department of Oral Surgery Institute of Clinical Dentistry University of Padua, Padua, Italy 2 Private Practice, Padua, Italy


PDF


In questo lavoro è stato impiegato un apparecchio ad ultrasuoni, per praticare l’ostectomia nella rimozione di impianti a lama al fine di risparmiare quanto più tessuto osseo possibile, per poi poter inserire impianti cilindrici.
Due pazienti sono state sottoposte a intervento di rimozione di due impianti a lama (uno mascellare e uno mandibolare) non più funzionali. L’ostectomia perimplantare è stata eseguita con un ablatore chirurgico piezoelettrico (piezosurgery). Durante l’ostectomia, lo strumento si è dimostrato efficace e preciso, praticando una linea di taglio estremamente sottile. Nel corso dell’intervento e ai controlli a 7 e 30 giorni, le pazienti non hanno presentato alcuna complicanza rilevante ed entrambe hanno conservato una cresta ossea sufficiente per poter essere trattate eventualmente, in seguito, con degli impianti cilindrici.
L’ablatore piezoelettrico si è confermato uno strumento efficace negli interventi che richiedono un importante risparmio di tessuto osseo, un’estrema precisione di taglio e il rispetto dei tessuti molli.

inizio pagina