Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2006 November-December;55(11-12) > Minerva Stomatologica 2006 November-December;55(11-12):611-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2006 November-December;55(11-12):611-8

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Valutazione della forza di legame microtensivo della riparazione con resina composita della dentina preparata con particelle di ossido di alluminio di diverse dimensioni, utilizzando il sistema abrasivo ad aria compressa

Motisuki C., Monti Lima L., Emi Sanabe M., Jacques P., Santos-Pinto L.

Department of Pediatric Dentistry, Araraquara Dental School, University of São Paulo State Araraquara, São Paulo, Brazil


PDF


Obiettivo. L’obiettivo di questo studio in vitro è stato di valutare l’influenza della tecnica abrasiva sulla forza di legame microtensivo delle riparazioni con resina composita. Inoltre sono state valutate le differenze relative alla forza di legame microtensivo quando sono state utilizzate particelle di ossido di alluminio di diverse dimensioni.
Metodi. Le superfici lisce della dentina della corona sono state divise in modo random in 3 gruppi a seconda del trattamento a cui dovevano essere sottoposte: Gruppo A27 – abrasione con aria compressa della dentina con particelle di ossido di alluminio di 27 mm; Gruppo A50 - abrasione con aria compressa della dentina con particelle di ossido di alluminio di 50 mm; Gruppo HS – taglio della dentina con fresa rotante diamantata #1013 ad alta velocità. Dopo la procedura di fissazione (Single Bond/Z100), i denti sono stati posti in acqua distillata a 37° C per 48 ore prima di essere sezionati. Ogni dente fissato è stato quindi sezionato longitudinal-mente, ottenendo frammenti a forma di bastoncino con un’area cross-sezionale di 0,81 mm2. Il carico tensivo è stato applicato con una velocità di testa di 0,5 mm/min, sino ad ottenere la frattura del frammento. I dati sono stati analizzati con il test ANOVA ad una via, mentre i multipli confronti post hoc sono stati analizzati utilizzando il test di Tukey.
Risultati. Circa la forza composita di legame non è stata osservata alcuna differenza quando sono state utilizzate particelle di ossido di alluminio di 27 e di 50 mm per la preparazione della superficie della dentina con sistema abrasivo ad aria compressa. Tuttavia, la dentina abrasa con l’aria compressa, utilizzando particelle di ossido di alluminio di 27 mm, ha evidenziato una maggiore forza di legame quando confrontata alla dentina preparata con il metodo convenzionale (fresa ad alta velocità).
Conclusioni. La dentina abrasa con l’aria compressa utilizzando polvere di alluminio con particelle di 27 mm ha evidenziato una maggiore forza di legame composito rispetto a quella tagliata con la fresa, facendo sorgere la possibilità che questo metodo possa aumentare la longevità della riparazione.

inizio pagina