Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2006 October;55(10) > Minerva Stomatologica 2006 October;55(10):541-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2006 October;55(10):541-9

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Protocollo sperimentale per il consenso informato fornito dall’igienista dentale

Rossi G., Manicone P. F., Pescolla A., Raffaelli L., Rossi Iommetti P.

Unit of Dental Prosthetics Department of Dentistry Sacro Cuore Catholic University, Rome, Italy


PDF


Obiettivo. La liceità di qualsiasi atto medico deriva sempre da un valido consenso del paziente, il quale può liberamente decidere soltanto se è stato ben informato dall’operatore sanitario su tutti gli aspetti che concernono la propria salute. Lo scopo del presente studio è stato di determinare, in un gruppo di pazienti sottoposti a terapia iniziale compiuta da igienisti dentali, il grado di comprensione delle informazioni fornite dagli operatori al momento della acquisizione del consenso informato.
Metodi. Sono stati selezionati 100 pazienti che necessitavano di trattamenti professionali di igiene orale eseguiti da igienisti dentali. Precedentemente alle procedure terapeutiche, ad ogni assistito è stato sottoposto un modulo per l’acquisizione del consenso informato; in seguito al trattamento, ogni paziente ha risposto a un questionario inerente le principali informazioni sulla patologia e la terapia effettuata.
Risultati. L’88% degli intervistati ha definito molto esaurienti le informazioni ricevute dagli igienisti dentali. Tuttavia, la maggior parte dei pazienti non è stata in grado di descrivere opportunamente il trattamento eseguito, in riferimento a urgenza di intervento, procedura operativa, difficoltà intrinseche, rischi e complicanze, funzione professionale degli igienisti dentali.
Conclusioni. È tuttora complicato trasmettere agli assistiti un valido grado di informazione, da un lato a causa della difficoltà di utilizzare un linguaggio al contempo scientifico, ma comprensibile, dall’altro per le caratteristiche culturali, sociali e intellettive che determinano la reale comprensione di ogni paziente.

inizio pagina