Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2005 April;54(4) > Minerva Stomatologica 2005 April;54(4):199-206

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2005 April;54(4):199-206

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Placche riassorbibili nella fissazione mascellare. Esperienza di 5 anni

Toro C., Robiony M., Zerman N., Politi M.


PDF


Obiettivo. Le placche e le viti di metallo sono divenute il mezzo comune di osteosintesi a livello dello scheletro facciale; tuttavia, esistono numerosi svantaggi nel loro utilizzo. Alcuni sistemi di fissazione costituiti da materiali biocompatibili e riassorbibili, dotati di adeguata resistenza alle forze di carico e di un sufficiente tempo di riassorbimento, possono superare i suddetti svantaggi. Di recente, i materiali riassorbibili sono stati utilizzati per stabilizzare osteotomie mascellari, mandibolari e del mento. Sebbene siano stati riportati numerosi studi sull'utilizzo di mezzi d'osteosintesi riassorbibili in chirurgia cranio-maxillo-facciale, il loro impiego in chirurgia preprotesica non è ancora stato adeguatamente documentato. Gli Autori riportano la loro esperienza quinquennale nell'impiego di mezzi di fissazione riassorbibile nella chirurgia del mascellare superiore, comprendendo interventi di chirurgia ortognatica e chirurgia preprotesica. Viene descritta la tecnica chirurgica e discussi i vantaggi e l'utilità della metodica.
Metodi. La placche e le viti utilizzate erano composte da un copolimero formato per l'82% da acido poli-L-lattico e per il 18% da acido poliglicolico (PLLA-PGA). Nello studio sono stati presi in considerazione 50 interventi di chirurgia ortognatica e 5 di chirurgia preprotesica a carico del mascellare superiore, per i quali sono state eseguite osteotomie di tipo I secondo Le Fort.
Risultati. Gli interventi sono stati eseguiti senza complicanze. I pazienti sono stati seguiti per un periodo di follow-up compreso tra i 6 mesi e i 5 anni. Un paziente ha manifestato un'infezione localizzata del cavo orale risoltasi dopo un ciclo di antibioticoterapia orale.
Conclusioni. La fissazione di tipo riassorbibile può essere considerata adeguata per la chirurgia a carico del mascellare superiore.

inizio pagina