Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 January-February;53(1-2) > Minerva Stomatologica 2004 January-February;53(1-2):61-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Stomatologica 2004 January-February;53(1-2):61-8

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Cefaclor induced pemphigus vulgaris

Scardina G. A., Conti N. M., Messina P.


PDF


Il pemfigo è una malattia a decorso cronico e a prognosi riservata che si caratterizza per la perdita del rapporto cellula-cellula intraepiteliale (acantolisi). Alla base della malattia vi è un disordine autoimmunitario in cui vengono danneggiati i desmosomi da anticorpi diretti contro particolari molecole denominate desmogleine (soprattutto 3 e 1).
Sono state descritte diverse varianti di pemfigo, con differenti profili anticorpali e manifestazioni cliniche.
Nel presente lavoro gli Autori presentano un caso di pemfigo volgare associato a un medicamento: cefacloro monoidrato. La valutazione istologica e immunologica del prelievo bioptico ha consentito la diagnosi di pemfigo volgare. La paziente, non ospedalizzata, è stata trattata con corticosteroidi e immunosoppressori sistemici. Attualmente è sotto controllo con basse dosi di corticosteroidi sistemici. La diagnosi precoce e il tempestivo instaurarsi del protocollo terapeutico hanno consentito una remissione completa delle lesioni riscontrate a livello della mucosa orale e congiuntivale, prevenendo il coinvolgimento di ulteriori sedi.

inizio pagina