Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2004 January-February;53(1-2) > Minerva Stomatologica 2004 January-February;53(1-2):33-40

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2004 January-February;53(1-2):33-40

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Valutazione cefalometrica della posizione dell’osso ioide in soggetti affetti da apnea ostruttiva notturna

Bucchieri A., Mastrangelo C., Stella R., Poladas E. G.


PDF


Obiettivo. Scopo del lavoro è quello di valutare cefalometricamente l'esistenza di una correlazione tra la posizione dell'osso ioide e apnea ostruttiva notturna.
Metodi. Sono stati esaminati due gruppi: un gruppo di studio (GS) composto da 15 soggetti affetti da apnea ostruttiva notturna e un gruppo di controllo (GC) composto da 15 soggetti sani. Tutti i soggetti, sia quelli del GS che del GC sono stati sottoposti a esame Rx telecranio in proiezione latero-laterale. Su ciacuna Rx sono state effettuate misurazioni cefalometriche per la valutazione della posizione dell'osso ioide e i risultati ottenuti nei 2 gruppi sono stati confrontati.
Risultati. Dal confronto dei dati è emerso, come già descritto in letteratura, che nei soggetti affetti da apnea ostruttiva notturna (GS) l'osso ioide si trova mediamente in una posizione più bassa e retrusa rispetto ai soggetti sani (GC).
Conclusioni. Tale alterata posizione dell'osso ioide può influire sulla posizione linguale e sulla pervietà delle prime vie aeree. Da ciò emerge l'importanza dello studio cefalometrico per l'inquadramento diagnostico-terapeutico dei soggetti con apnea ostruttiva notturna.

inizio pagina