Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2003 June;52(6) > Minerva Stomatologica 2003 June;52(6):267-72

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2003 June;52(6):267-72

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Utilizzo del plasma ricco di piastrine (PRP) nel grande rialzo del seno mascellare

Moro G., Casini V., Bastieri A.


PDF


Obiettivo. Il plasma ricco di piastrine (PRP) è una soluzione, solitamente in forma di gel, ad elevata concentrazione di piastrine (pari al doppio o al triplo rispetto ai normali valori fisiologici di riferimento). Tale preparato si presenta inoltre con un'alta concentrazione in fibrinogeno, elemento fondamentale per la liberazione di numerosi polipeptidi (fattori del complemento) e soprattutto per l'induzione della degranulazione piastrinica e conseguente rilascio di fattori di crescita che interagiscono in maniera altamente positiva con il metabolismo osseo del sito ricevente. Appare quindi indubbio il beneficio biologico che il PRP è in grado di apportare ai tessuti trattati con la tecnica del grande rialzo del seno mascellare.
Metodi. La casistica riportata dagli Autori è composta di 3 pazienti che sono stati trattati mediante grande rialzo del seno mascellare associato all'utilizzo di una miscela a base di PRP, ß-fosfato-tricalcico (Cerasorb®) e tessuto osseo autologo.
Risultati. Tutti i pazienti sono stati trattati con successo e si è potuta rilevare una rigenerazione tissutale sia orizzontale che verticale (circa 4 mm), con formazione di tessuto osseo qualitativamente molto valido che ha portato ad un'ottima osteointegrazione degli impianti inseriti.
Conclusioni. L'introduzione del PRP nelle tecniche rigenerative ha aperto nuovi orizzonti specialmente all'interno della branca implantologia. Tale miscela è infatti in grado di ridurre le quantità di tessuto autogeno prelevato. La consistenza gelatinosa evita inoltre l'applicazione e rimozione di membrane con conseguente trauma chirurgico notevolmente ridotto per i pazienti.

inizio pagina