Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2003 April;52(4) > Minerva Stomatologica 2003 April;52(4):187-92

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

CASI CLINICI   

Minerva Stomatologica 2003 April;52(4):187-92

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Pemfigoide bolloso (bp) cutaneo-mucoso indotto da valsartan. Un caso clinico

Femiano F.


PDF


In presenza di patologie vescicolo-bollose a responsabilità immunitaria, la condotta del patologo orale dovrebbe essere diretta non solo alla diagnosi e alla terapia del caso, ma principalmente a svelare lo stato di predisposizione genetica in rapporto all'assetto dell'aplotipo dell'HLA e a ricercare i possibili fattori scatenanti o innescanti lo stato di malattia. Il ritrovamento del fattore scatenante può garantire una guarigione più rapida con minimo apporto terapeutico.
Per la ricerca dei fattori scatenanti, non sempre sono imputati i farmaci tradizionalmente incriminati, quali farmaci ACE inibitori, Fans, antibiotici (penicilline e penicillamine), sostanze con gruppi ­SH, tranquillanti, nell'induzione delle patologie vescicolo-bollose, spesso trattasi di sostanze considerate innocue.
Abbiamo presentato un caso di pemfigoide bolloso muco-cutaneo indotto da un farmaco antipertensivo appartenente al gruppo dei sartani: il valsartan.

inizio pagina