Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2002 May;51(5) > Minerva Stomatologica 2002 May;51(5):193-204

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Stomatologica 2002 May;51(5):193-204

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Caratteristiche istologiche ed ultrastrutturali dei muscoli elevatori mandibolari. Revisione della letteratura

Sotgiu E., Cantini E., Romagnoli M., Bosco M.


PDF


Scopo di questo lavoro è fornire attraverso un'ampia revisione della Letteratura un quadro delle singolari caratteristiche istologiche ed ultrastrutturali che differenziano in maniera significativa i muscoli masticatori, massetere e temporale, dagli altri muscoli scheletrici, evidenziando inoltre i possibili significati funzionali. Sono stati presi in considerazione in particolare i seguenti aspetti: composizione in fibre e distribuzione percentuale dei vari tipi di fibre, diametro delle fibre, composizione in miosina, vascolarizzazione e cambiamenti età-correlati. Nei muscoli masticatori il metodo di colorazione standard per l'ATPasi miofibrillare rivela, oltre ai due tipi principali di fibre, I e II, la normale presenza di un discreto contingente di fibre IM a colorazione intermedia, che solitamente non compaiono nei muscoli scheletrici adulti. Appare singolare anche la distribuzione percentuale delle fibre, con una predominanza delle tipo I in quasi tutte le porzioni dei muscoli massetere e temporale, che pertanto risultano funzionalmente muscoli «lenti». Una ulteriore particolarità si individua nel trofismo delle fibrocellule, poiché le tipo I mostrano un diametro medio regolarmente superiore a quello delle tipo II. Il dato autorizza a supporre che i muscoli masticatori siano deputati a svolgere soprattutto lavori prolungati ed affaticanti. Interessanti, quanto caratteristici, anche i dati raccolti sui patterns di proteine contrattili (catena pesante della miosina, MHC) espressi nelle fibre di questi muscoli e su quelle modificazioni interne legate al processo dell'invecchiamento. Le profonde differenze che caratterizzano i muscoli elevatori mandibolari dagli altri muscoli scheletrici vengono viste ed interpretate sulla base delle peculiari attività funzionali che questi muscoli sono deputati a svolgere.

inizio pagina