Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2001 November-December;50(11-12) > Minerva Stomatologica 2001 November-December;50(11-12):361-72

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2001 November-December;50(11-12):361-72

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese, Italiano

Valutazione dell’attività clastogena di alcune resine utilizzate in ambito protesico

Gigola P., Monarca S., Feretti D., Zerbini I., D’Argenio D.


PDF


Obiettivo. I materiali dentari ed in particolare le resine ad uso protesico, ortodontico, conservativo e gnatologico sono spesso a contatto per lungo tempo con i tessuti del cavo orale e a causa dell'esposizione cronica di un numero elevato di individui a questi prodotti, si rende necessario valutare la cessione di sostanze genotossiche da parte delle resine ad uso odontoiatrico.
Metodi. A tale fine sono state scelte dieci resine a base di metilmetacrilato a polimerizzazione chimica sia a freddo che a caldo frequentemente impiegate nella pratica clinica e sono state allestite secondo le indicazioni date della Normativa UNI 9582-2 ormai inclusa nella normativa ISO 10993. La genotossicità è stata valutata mediante il test «Tradescantia/micronuclei».
Risultati. Mediante il test «Tradescantia/micronuclei», il quale evidenzia aberrazioni cromosomiche tramite la rilevazione di micronuclei nelle tetradi di fiore, nove resine non hanno fornito risultati positivi mentre una resina ha determinato un aumento significativo della frequenza di micronuclei rispetto ai controlli negativi.
Conclusioni. I risultati del test «Tradescantia/micronuclei» assieme ai risultati dei test sulla citotossicità e a quelli del test di Ames e del test dell'Allium cepa svolti in precedenti ricerche, forniscono l'indicazione per ulteriori analisi delle resine ad uso odontoiatrico mediante altri test sia in vivo che in vitro per decretare con sicurezza la loro pericolosità per l'uomo.

inizio pagina