Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2001 July-August;50(7-8) > Minerva Stomatologica 2001 July-August;50(7-8):247-64

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2001 July-August;50(7-8):247-64

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Attivazione della crescita mandibolare mediante il Fräenkel II: valutazione degli effetti sul piano verticale

D’Attilio M., Tecco S., Filippi M. R., Delli Carri D., Festa F.


PDF


Obiettivo. Lo scopo dello studio è di valutare se una terapia funzionale con regolatore di funzione Fräenkel II può migliorare la dimensione verticale del distretto cranio-facciale. L'ipotesi è stata quella di utilizzare come metodo di studio l'analisi cefalometrica di Enlow ed in particolare i rapporti 1, 2, 3, 4, 5 e 13 perché questa analisi cefalometrica permette di valutare i cambiamenti dimensionali nell'ambito del singolo individuo, senza riferimento alla media della popolazione.
Metodi. Sono stati selezionati 20 pazienti, con classe dentale II e con classe scheletrica II dovuta prevalentemente ad ipoplasia mandibolare, e con biotipo facciale nella maggior parte dei casi normale. I pazienti sono stati trattati per 24 mesi solo con regolatore di funzione Fräenkel II, e l'apparecchio è stato attivato di 2 mm ogni 6 mesi. Il follow-up è durato 2 anni e sono stati fatti per ogni paziente due analisi cefalometriche, una all'inizio e l'altra alla fine della terapia.
Risultati. I risultati hanno messo in risalto miglioramenti della dimensione verticale ed una variazione dell'inclinazione del piano occlusale dopo la terapia; tale variazione permette infatti di compensare sul piano dento-alveolare, le eventuali disarmonie basali e migliorare così la dimensione verticale.
Conclusioni. I risultati pur non avendo una significatività statistica, sottolineano l'utilità del Fräenkel nel frenare tendenze di crescita patologiche.

inizio pagina