Home > Riviste > Minerva Stomatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Stomatologica 2000 November-December;49(11-12) > Minerva Stomatologica 2000 November-December;49(11-12):541-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Stomatologica 2000 November-December;49(11-12):541-8

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Fisioterapia muscolare in pazienti con disordini temporomandibolari (Studio clinico controllato)

Michelotti A., Parisini F., Farella M., Cimino R., Martina R.


PDF


Obiettivo. Lo scopo del nostro lavoro è di valutare l'efficacia terapeutica, a breve termine, della fisioterapia accompagnata dalla terapia comportamentale e di confrontarla con quella della sola terapia comportamentale.
Metodi. Mediante una randomizzazione a blocchi bilanciati, sono stati selezionati 40 pazienti affetti da disordini temporomandibolari (DTM), che presentavano dolore orofacciale cronico di tipo muscolare. Tali pazienti sono stati divisi in due gruppi terapeutici: un gruppo seguiva la terapia comportamentale, l'altro in aggiunta alla terapia comportamentale seguiva la fisioterapia muscolare. I pazienti sono stati seguiti per un periodo di tre mesi durante i quali sono state effettuate delle misurazioni, all'atto della prima visita (T0) e dopo i tre mesi di terapia (T1). E' stato quindi calcolato un indice per valutare l'efficacia dei due protocolli: il contrasto terapeutico o treatment contrast (Tc). Tale indice consente una valutazione soggettiva, oggettiva e complessiva degli effetti terapeutici dei protocolli analizzati.
Risultati. Non sono emerse differenze statisticamente significative tra i due gruppi sperimentali, se non per la valutazione soggettiva della sintomatologia da parte dei pazienti. In tal senso la fisioterapia è risultata più efficace della sola terapia comportamentale.
Conclusioni. Data la percentuale di pazienti guariti con la somministrazione di fisioterapia e terapia comportamentale, possiamo concludere che la terapia elettiva per i pazienti affetti da DTM resta quella conservativa. L'efficacia di tale terapia dipende anche dal rapporto di fiducia che si stabilisce tra il paziente e il clinico, che consente di migliorare la collaborazione.

inizio pagina