Home > Riviste > Minerva Psychiatry > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2013 June;54(2) > Minerva Psichiatrica 2013 June;54(2):173-84

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Psichiatrica 2013 June;54(2):173-84

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il ruolo del Thought Disorder Index nella valutazione del pensiero patologico al Rorschach: aspetti quantitativi e qualitativi

Freilone F., Fratianni B., Caricchi D. I.

Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino, Torino, Italia


PDF


Il presente lavoro si propone di descrivere i principali aspetti costitutivi e le relative implicazioni nella psicopatologia del Thought Disorder Index (TDI), uno strumento psicodiagnostico costruito da Johnston e Holzman con lo scopo di analizzare in termini quantitativi e qualitativi il pensiero patologico. Vengono presi in esame i 4 differenti livelli di gravità dell’indice (0,25; 0,50; 0,75; 1) cui afferiscono le 23 categorie di siglatura individuate dai due autori con l’obiettivo di cogliere le più importanti forme di verbalizzazione deviante al Rorschach e alla WAIS-R. L’intento di Johnston e Holzman era quello di ottenere un indice “riassuntivo” del pensiero patologico. Tuttavia, è emerso come il TDI non riesca a delineare da un punto di vista quantitativo differenze precise tra i principali disturbi psicotici. Al contrario, dal punto di vista qualitativo, l’indice risulta molto efficace nel distinguere tra schizofrenia, maniacalità, disturbo schizoaffettivo di tipo depressivo e di tipo maniacale: i fattori empirici TDI elaborati dal gruppo di Holzman si sono rilevati utili nell’affinamento di questo tipo di diagnosi differenziale. Infine, dagli studi più recenti risulta che il TDI non solo ha messo in luce come i disturbi del pensiero costituiscano uno degli elementi base della patologia schizofrenica, ma ha anche permesso di confermare l’ipotesi di diversi autori secondo cui alcuni aspetti del pensiero patologico rappresentino un importante indicatore di predisposizione all’insorgenza della schizofrenia.

inizio pagina