Home > Riviste > Minerva Psychiatry > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2012 March;53(1) > Minerva Psichiatrica 2012 March;53(1):11-27

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  AGGIORNAMENTI IN PSICHIATRIA NEL 2012 

Minerva Psichiatrica 2012 March;53(1):11-27

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Esito del disturbo da deficit di attenzione e iperattività nell’adolescenza e nell’età adulta: presentazione e fattori predittivi

Cherkasova M. V. 1, Pondé M. P. 2, Hechtman L. 3

1 Division of Child Psychiatry, McGill University, Montreal Children’s Hospital, Montreal, Quebec, Canada; 2 Division of Child Psychiatry, McGill University, Montreal Children’s Hospital, Montreal, Quebec, Canada; 3 Professor of Psychopharmacology, BAHIANA School of Medicine and Public Health, Salvador, Bahia, Brazil


PDF


Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (attention deficit hyperactivity disorder, ADHD) è stato tradizionalmente considerato un disturbo dell’infanzia con sintomi che regrediscono entro l’adolescenza. Un’ampia evidenza suggerisce adesso che i sintomi del disturbo spesso perdurano nell’adolescenza e nell’età adulta e che numerosi bambini con ADHD hanno scarsi risultati in età adulta, soprattutto in termini di educazione, impiego, comportamento antisociale, abuso di sostanze, criminalità e salute mentale. La maggior parte di tale evidenza deriva da studi prospettici che hanno seguito coorti di bambini con ADHD nell’adolescenza e nell’età adulta, esaminandone i risultati a vari intervalli. La presente rassegna si concentra sulle scoperte dei principali studi prospettici di follow-up e su come tali scoperte contribuiscano alla nostra comprensione della presentazione dell’ADHD nel corso della vita. Essa esplora anche i fattori predittivi di persistenza dell’ADHD dall’infanzia all’età adulta e degli esiti funzionali nei bambini con ADHD.

inizio pagina