Home > Riviste > Minerva Psychiatry > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 1999 December;40(4) > Minerva Psichiatrica 1999 December;40(4):249-56

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Psichiatrica 1999 December;40(4):249-56

Copyright © 1999 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Psichiatria d’urgenza (Valutazione dell’intervento nel setting della medicina generale)

Carli T., Bonifaci G., Colombo G.


PDF


L'obiettivo di questa ricerca era di acquisire informazioni riguardanti: il numero, il tipo e la modalità di gestione delle urgenze psichiatriche affrontate in sei mesi da Medici di Medicina Generale (MMG) dell'USSL 16 Regione Veneto (che comprende la città di Padova e i comuni del circondario); il grado di conoscenza e utilizzo del Servizio Psichiatrico d'Urgenza (SPU) della clinica psichiatrica di Padova, da parte dei MMG stessi nell'intero corso della propria attività.
Metodi. A questo scopo è stato sottoposto all'attenzione dei 314 MMG dell'area padovana un questionario a scelta multipla appositamente formulato, e 123 medici hanno accettato di partecipare all'iniziativa.
Risultati. Dall'analisi delle risposte emerge che il 95,1% dei MMG intervistati riconosce tra i propri pazienti almeno un caso con diagnosi psichiatrica e/o in carico ai servizi territoriali. L'84,6% dichiara di aver gestito situazioni urgenti di natura psichiatrica nei sei mesi precedenti l'inchiesta; di queste, il 39% sono state affrontate personalmente ed il 61% in collaborazione con agenzie esterne.
Per quanto concerne invece l'intero arco della propria attività professionale, il 69,9% dei MMG afferma di aver condotto almeno un Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) il più delle volte in collaborazione con il SPU (41% dei casi).
Il 78% dei medici conosce l'esistenza del SPU; il 56,9 riferisce di aver contattato almeno una volta tale servizio, il 30,1% è stato contattato almeno una volta ed il 44,7% ha condotto almeno un intervento in collaborazione.
Conclusioni. Questi risultati dimostrano come l'ambito delle urgenze psichiatriche coinvolga quasi la totalità degli operatori della medicina di base e come il SPU possa essere considerato un punto di riferimento specialistico garantito ed affidabile rispetto ai casi non gestibili direttamente dal MMG.

inizio pagina