Home > Riviste > Minerva Psichiatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Psichiatrica 2000 September;41(3) > Minerva Psichiatrica 2000 September;41(3):165-74

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Psichiatrica 2000 September;41(3):165-74

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

L’acne come espressione simbolica di una conflittualità tra la personalità e l’inconscio, studiata attraverso un nuovo metodo diagnostico: l’immaginazione guidata

Gallo G.


PDF


Obiettivo. Lo studio degli Autori si rivolge alla pelle, primo e fondamentale organo di incontro tra l'uomo e il mondo. Nella pelle, come un libro, l'inconscio scrive i propri messaggi dove impulsi rimossi e bloccati da meccanismi di difesa creano barriera tra se e l'ambiente. Oggetto del presente lavoro è uno studio sulla psicodermopatia acneica.
Metodi. Sono state prese in considerazione 60 donne di età adulta con prevalente manifestazione al volto: 30 del gruppo acneici, 30 del gruppo di controllo. Le pazienti di entrambi i gruppi sono state sottoposte a MMPI e all'«Immaginazione guidata» o viaggio guidato. Un viaggio in cui le immagini vengono riconosciute dall'Io cosciente come esperienza sensoriale e in cui contrariamente all'attività onirica vera e propria, il confronto non è mediato dal ricordo. I sentimenti e le emozioni sono nitidi. L'Io cosciente si trova spiazzato e nonostante il desiderio di censurare le immagini e relegarle nell'inconscio è costretto a confrontarsi con la loro immediatezza.
Risultati. L'interpretazione dell'MMPI evidenzia che il gruppo di controllo non presenta caratteristiche preoccupanti. Il gruppo delle pazienti acneiche invece presenta: tratti depressivi, difficoltà a programmare il futuro mentre il tratto distintivo è l'isolamento interiore. Il «sogno guidato» ha confermato i risultati dell'MMPI.
Conclusioni. Alla fine dello studio gli Autori, hanno suddiviso il campione in tre gruppi: 1) coloro che hanno avuto chiusura e rifiuto a riconoscersi; 2) coloro che hanno accettato di riconoscere i conflitti ma sono stati incapaci di scioglierne i nodi; 3) coloro che hanno riconosciuto i conflitti, sono riusciti a scioglierli e ad eliminare l'alterazione cutanea.

inizio pagina