Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2007 September;46(3) > Minerva Pneumologica 2007 September;46(3):191-204

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  UN AGGIORNAMENTO SULLA SINDROME DELLE APNEE OSTRUTTIVE NOTTURNE 

Minerva Pneumologica 2007 September;46(3):191-204

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Diagnosi della sindrome delle apnee ostruttive notturne

Thurnheer R.

Pulmonary Division Kantonsspital Münsterlingen, Switzerland


PDF


La mancanza di sonno, il peggioramento della performance cognitiva e della qualità di vita porta i pazienti a cercare un aiuto medico. La sindrome da apnea ostruttiva notturna (obstructive sleep apnea sindrome: OSAS) rappresenta una causa importante si sonnolenza diurna. L’OSAS è attualmente ben nota ai medici di base, che affideranno i loro pazienti al pneumologo con esperienza nella medicina del sonno o a laboratori specializzati nel sonno. Sono ampiamente disponibili strumenti non invasivi per la diagnosi di OSAS. Nella maggior parte dei casi la tipica anamnesi e il monitoraggio cardiorespiratorio durante la notte sono in grado di far porre correttamente la diagnosi. Il monitoraggio cardiorespiratorio può essere eseguito a domicilio, nell’ambiente abituale del paziente. Occasionalmente, per poter diagnosticare lievi disturbi della respirazione che portano alla frammentazione del sonno è necessaria una polisonnografia da eseguirsi in laboratorio. Dal momento che stanno aumentando le evidenze a favore di un’associazione tra OSAS e rischio cardiovascolare, l’OSAS è stata rivalutata quale fattore prognostico. I dati da studi prospettici sugli effetti protettivi sul sistema cardiovascolare del trattamento dell’OSAS non sono ancora disponibili. Tuttavia, per tutti i pazienti che russano in modo tale da svegliarsi, con apnee accertate e sonnolenza diurna si dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di sottoporli ad uno studio dei parametri cardiorespiratori nell’arco della notte.

inizio pagina