Home > Riviste > Minerva Pneumologica > Fascicoli precedenti > Minerva Pneumologica 2000 March;39(1) > Minerva Pneumologica 2000 March;39(1):1

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Pneumologica 2000 March;39(1):1

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Attività terapeutiche di lomefloxacina (Valutazione microbiologica e clinica nelle riacutizzazioni infettive di bronchite cronica)

Zannini G., Masotti A., Bottrighi P., Rossi A., Rossi M., Settino A., Ferrari P.


PDF


Obiettivo. I pazienti affetti da bronchite cronica, vanno incontro a periodiche riacutizzazioni infettive. Il presente studio valuta l'efficacia microbiologica e clinica di Lomefloxacina vs Ciprofloxacina nella terapia antibiotica delle riacutizzazioni di bronchite cronica.
Metodi. Lo studio ha coinvolto 5 Centri di Pneumo-logia, con disegno sperimentale prospettico, randomizzato, in aperto, con confronto tra Lomefloxacina (gruppo L) 400 mg/die e Ciprofloxacina (gruppo C) 500 mg x 2/die, durata terapia 7-10 giorni, follow-up fino ad un mese dopo la terapia. I pazienti dovevano presentare segni clinici di riacutizzazione di bronchite cronica ed identificazione microbiologica del patogeno. Le rilevazioni dei parametri clinici e microbiologici sono state effettuate ai tempi: pre-terapia, 3-4 giorni durante terapia, alla fine e ad un mese dal trattamento.
Risultati. Al termine della terapia si è avuta risoluzione completa o parziale dei segni e sintomi nel 93% nel gruppo L e 90% nel gruppo C, con eradicazione del patogeno isolato all'arruolamento nel 73% nel gruppo L e 72% nel gruppo C.
Conclusioni. Ambedue gli antibiotici hanno evidenziato eguale efficacia nel risolvere il quadro clinico e nell'eradicare i patogeni responsabili della riacutizzazione di bronchite cronica. Non sono stati rilevati effetti collaterali riferibili ai trattamenti. La monosomministrazione di Lomefloxacina può migliorare la compliance in pazienti anziani, spesso con terapie croniche concomitanti.

inizio pagina