Home > Riviste > Minerva Pediatrics > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2002 December;54(6) > Minerva Pediatrica 2002 December;54(6):587-98

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

RELAZIONI  IX CONGRESSO NAZIONALE DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI MEDICINA DELL'ADOLESCENZA - Catanzaro, 24-26 Ottobre 2002 

Minerva Pediatrica 2002 December;54(6):587-98

Copyright © 2002 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La gestione dell’adolescente asmatico

Marchi A., Ricci A.


PDF


L'asma bronchiale è una patologia cronica in aumento anche tra gli adolescenti; spesso sottodiagnosticata colpisce in prevalenza i maschi ed è sostenuta per il 10% da una diatesi allergica. L'adolescenza con le sue peculiarità e i mutamenti fisici e psicologici caratteristici influenza notevolmente l'estrinsecazione clinica dell'asma e necessità soprattutto di una particolare attenzione del pediatra curante sotto l'aspetto diagnostico e terapeutico. Il curante deve porsi come interlocutore diretto e credibile dell'adolescente. Una regolare attività sportiva, sotto attento monitoraggio medico, deve essere consigliata proprio nell'adolescente asmatico, nei modi e nelle forma consone alla patologia e alle caratteristiche dell'età adolescenziale. L'asma bronchiale nell'età adolescenziale si presenta speso come asma da sforzo fisico. Tale manifestazione non deve essere impedimento alla pratica di una regolare attività fisica; sono però necessarie strategie gestionali adeguate (ad evitare il sintomo dopo sforzo) che vanno dalla scelta della tipologia di allenamento(ambiente e carichi di lavoro) alla prevenzioni farmacologiche. L'adolescente asmatico può svolgere anche una attività fisica a livello agonistico con particolare attenzione alla scelta dei farmaci per evitare di incorrere in squalifiche per doping.

inizio pagina