Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Articles online first > Minerva Pediatrica 2015 Apr 28

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

 

Minerva Pediatrica 2015 Apr 28

Copyright © 2015 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Funzionamento psicosociale a lungo termine in bambini e adolescenti con cardiopatie congenite e nei loro genitori

Utens E. M. 1, Amianto F. 2

1 Department of Child and Adolescent Psychiatry/Psychology, Erasmus MC, Sophia Children’s Hospital, Rotterdam, Netherlands; 2 Dipartimento di Neuroscienze, Sezione Psichiatria, Ospedale San Giovanni Battista di Torino, Università di Torino, Torino, Italia.


PDF


SCOPO DEL LAVORO: Questa review descrive i principali risultati di 2 studi di follow-up sull’esito psicosociale in bambini e adolescenti affetti da cardiopatie congenite (CHD) e i loro genitori.
MATERIALI E METODI: Sono stati considerati eleggibili tutti i pazienti sottoposti consecutivamente al loro primo intervento di chirurgia a cuore aperto o a trattamento invasivo (studio 1: intervento eseguito tra il 1968 e il 1980; studio 2: intervento eseguito tra il 1990 e il 1995) all’Erasmus Medical Centre di Rotterdam, Olanda, di età inferiore ai 15 anni all’intervento. Il primo studio è stato effettuato tra il 1989 e il 1991, il secondo tra il 2003 e il 2005.
RISULTATI: Il primo studio ha dimostrato che bambini e adolescenti affetti da CHD (età 10-17 anni) mostrano livelli significativamente più elevati di problemi comportamentali ed emotivi rispetto ai gruppi di riferimento, sia secondo la valutazione dei genitori (N=144) che l’autovalutazione (N=179). Nonostante i miglioramenti del trattamento medico, i pazienti del secondo studio (N=124; età 7-17 anni) hanno dimostrato livelli più elevati di problemi comportamentali ed emotivi e una peggiore qualità di vita correlata alla salute (HRQoL) rispetto ai gruppi di riferimento. I genitori dei pazienti hanno mostrato un esito favorevole rispetto al benessere psicologico ed alle capacità di copino . Non è emersa una relazione tra diagnosi cardiologica e esito psicosociale.
CONCLUSIONE: Considerati i più scarsi esiti di funzionamento comportamentale, emotivo e HRQoL di questi bambini e adolescenti con CHD, è raccomandabile uno screening precoce per identificare i bambini a rischio.

inizio pagina