Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2013 August;65(4) > Minerva Pediatrica 2013 August;65(4):353-60

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Pediatrica 2013 August;65(4):353-60

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Lactobacillus paracasei subsp. paracasei F19 nello stadio 2 di Bell di enterocolite necrotizzante

Zampieri N. 1, Pietrobelli A. 2, Biban P. 3, Soffiati M. 3, Dall’Agnola A. 4, Camoglio F. S. 4

1 Department of Anesthetic and Surgical Sciences Pediatric Surgical Unit University of Verona, Verona, Italy; 2 Department of Pediatrics Pediatric and Neonatal Intensive Care Unit University of Verona, Policlinico “G.B. Rossi”, Verona, Italy; 3 Department of Pediatrics Pediatric and Neonatal Intensive Care Unit Civile Maggiore Hospital, Verona, Italy; 4 Department of Pediatrics, Neonatal Unit, Orlandi General Hospital Bussolengo, Verona, Italy


PDF


Obiettivo. Lo scopo di questo studio è di valutare il ruolo del Lactobacillo paracasei subspecie paracasei F-19 nello stadio 2 di NEC per evitare la progressione verso lo stadio 3.
Metodi. Lo studio prospettico è stato approvato dal comitato etico in dicembre 2008. I pazienti erano neonati dal peso compreso tra 600 e 1500 grammi. Un gruppo è stato trattato con terapia usuale e probiotico mentre un secondo gruppo solo con terapia usuale per NEC. L’obiettivo primario era di valutare la progressione verso lo stadio 3. Criteri di inclusione ed esclusione sono stati creati prima dell’arruolamento dei pazienti.
Risultati. Trentadue pazienti sono stati considerati idonei allo studio: gruppo A 18 pazienti e gruppo B 14 pazienti. 3 pazienti del gruppo A e 6 del gruppo B hanno sviluppato lo stadio 3 (P<0,05); l’assunzione di probiotico ha aumentato la motilità intestinale favorendo quindi una ridotta traslocazione batterica.
Conclusioni. L’utilizzo del Lactobacillo paracasei F-19 è efficace e sicuro; la ridotta progressione verso lo stadio 3 suggerisce che questa terapia potrebbe essere utilizzata in tutti i pazienti.

inizio pagina