Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2013 February;65(1) > Minerva Pediatrica 2013 February;65(1):111-9

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

STORIA DELLA MEDICINA   

Minerva Pediatrica 2013 February;65(1):111-9

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La malattia di Macciotta e la biografia di Giuseppe Macciotta

Farnetani F. 1, Farnetani I. 1, 2

1 Collaborators of the Istituto dell’Enciclopedia Italiana “Treccani”, Rome, Italy; 2 Department of Neuroscience, University of Milano-Bicocca, Milan, Italy


PDF


Giuseppe Macciotta diresse la Clinica pediatrica di Cagliari Si dedicò allo studio della patologia presente in Sardegna e nel bacino del Mediterraneo. Nel 40 descrisse una variante della β talassemia omozigote che presentava insorgenza più precoce e un decorso più tumultuoso. Definì questa variante eritroblastosi sub-cronica chiamata da alcuni malattia di Macciotta. L’eritroblastosi subcronica era caratterizzata da una manifestazione rispetto alla malattia di Cooley, in genere all’inizio del secondo trimestre di vita, con decorso medio tra i 5 e i 10 mesi e esito fatale. Il quadro era dominato da una maggior iperemolisi, eritroblastemia, eritroblastosi midollare e iperbilirubinemia. Il decorso rapido della malattia non lasciava nemmeno il tempo di danneggiare lo scheletro facendo formare le tipiche alterazioni scheletriche e la cardiomegalia. Negli anni successivi fu attuata la terapia trasfusionale, razionale e precoce che permise di interrompere il decorso ingravescente della malattia per cui la sintomatologia si interrompeva prima che si potessero manifestare quadri di gravità più o meno intensa.

inizio pagina