Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2005 April;57(2) > Minerva Pediatrica 2005 April;57(2):91-104

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Pediatrica 2005 April;57(2):91-104

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Allattamento al seno e promozione della salute del bambino: risultati di un’indagine in Molise

Manfredi Selvaggi T. M., Santilli T., Palombi E., Vichi M., Di Nunzio M. L., Simeone R., Vendemiati A.


PDF


Obiettivo. Lo scopo di questa ricerca è stimare il tasso di inizio e durata dell'allattamento materno in Molise, in relazione alle raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e rilevare altri comportamenti che influenzano la salute del bambino.
Metodi. Nel periodo ottobre-dicembre 2001, operatori sanitari addestrati hanno intervistato con questionario strutturato 430 madri di neonati sottoposti alla seconda dose di vaccinazione obbligatoria nelle 4 ASL del Molise. Il tipo di allattamento era classificato predominante e parziale, in conformità alle definizioni dell'OMS.
Risultati. Il tasso iniziale dell'allattamento al seno era 92% e si riduceva al 30% a 6 mesi, con forti differenze fra le ASL. Principali fattori di rischio dell'interruzione precoce dell'allattamento sono risultati aver incontrato difficoltà al rientro a casa e non aver allattato il primo figlio, aver ricevuto campioni di latte e consigli di allattare a orario, non aver praticato il rooming-in, il vizio del fumo della madre e di altri familiari. Meno della metà delle madri usava sale iodato (40%), una su 5 (19%) conosceva l'utilità dell'acido folico prima del concepimento, solo 1 bambino su 3 (34%) veniva messo in culla in posizione supina.
Conclusioni. In Molise, sebbene sia stato raggiunto l'obiettivo dell'OMS relativo all'inizio dell'allattamento materno, risulta ancora molto lontano quello relativo alla durata; inoltre risultano ridotte le conoscenze sui principali fattori di rischio della salute del bambino. È necessario, pertanto, promuovere globalmente la salute del bambino, sia favorendo l'allattamento predominante al seno, in particolare in alcune ASL, sia fornendo maggiori informazioni su altri fattori di rischio.

inizio pagina