Home > Riviste > Minerva Pediatrica > Fascicoli precedenti > Minerva Pediatrica 2003 June;55(3) > Minerva Pediatrica 2003 June;55(3):261-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Pediatrica 2003 June;55(3):261-6

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Aspetti psicologici in bambini con bassa statura

Mazzone D., Nicolosi A., Aliberti C., Mazzone L., Caruso-Nicoletti M.


PDF


Obiettivo. Questo studio si propone di valutare gli aspetti psicologici in soggetti con bassa statura.
Metodi. È stato esaminato un campione di 19 soggetti, di età compresa tra i 7 e i 14 anni, 13 maschi e 6 femmine. In tutti i pazienti sono stati valutati statura, velocità di crescita (VC), età ossea (EO) target genetico e secrezione dell'ormone della crescita mediante prove di stimolazione con insulina e arginina. L'indagine psicodiagnostica è stata eseguita mediante la scala di Kovacs, Children's Depression Inventory (CDI), la Scala di Busnelli-Dall'Aglio-Faina per l'ansia, e il test di Goodenough per la rappresentazione grafica della figura umana. Abbiamo, inoltre, valutato alcune abilità neuropsicologiche mediante il test di Raven (P.M. 38 e 47). L'analisi statistica è stata realizzata utilizzando il Mann-Whitney U-test.
Risultati. Le indagini endocrine hanno consentito di distinguere 7 soggetti con bassa statura familiare (BSF) e 12 con deficit di GH (GHD). Ai test di depressione e di ansia lo score medio era in entrambi i gruppi nei limiti della norma senza differenza statisticamente significativa, sebbene il punteggio fosse leggermente più elevato nei soggetti GHD. Al test della figura umana, nella maggior parte dei casi, si riscontrava bassa autostima, senso di inferiorità, dipendenza dalle figure genitoriali, difficoltà relazionali e, talvolta, inibizione sociale. Tali aspetti erano più evidenti e marcati nei bambini GHD. Le abilità neuropsicologiche indagate mediante il Raven apparivano nella norma in entrambi i gruppi, pur mostrando un'ampia variabilità di rendimento al test (range tra il 25° e il 90° centile); soltanto in un paziente con GHD il livello risultò inferiore al 10° centile. I soggetti con BSF mostravano globalmente un rendimento leggermente più alto in confronto ai GHD (p<0,05).
Conclusioni. I nostri risultati suggeriscono una influenza sfavorevole della bassa statura sulla sfera affettiva di soggetti con BSF e con GHD. Si evince, inoltre, che i pazienti con GHD hanno, un rendimento lievemente inferiore in alcune abilità neuropsicologiche rispetto a quelli con BSF, presumibilmente correlabili a una più bassa autostima e a tratti di ansia e depressione più marcati.

inizio pagina