Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 October;63(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 October;63(5):295-306

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2012 October;63(5):295-306

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano, Inglese

Infezioni associate a protesi totali di ginocchio e anca: 10 anni di esperienza e review della letteratura

Bistolfi A. 1, Cimino A. 2, Ravera L. 2, Deledda D. 2, Fucale G. 3, Vernè E. 4, Miola M. 4, Crova M. 1, 2, Massazza G. 1, 2

1 Department of Orthopedics and Traumatology AO CTO/M. Adelaide Hospital, Turin, Italy; 2 University of Turin, Turin, Italy; 3 Chemical, Clinical, and Microbiological Analyses Department, AO CTO/M. Adelaide Hospital, Turin, Italy; 4 Materials and Chemical Engineering Department, Politecnico di Torino, Turin, Italy


PDF


Obiettivo. Questo studio si prefigge diversi obiettivi: 1) valutare l’incidenza di batteri Gram-positivi, Gram-negativi e lieviti nei casi di protesi totale di ginocchio (PTG) e di protesi totale d’anca (PTA) in pazienti con segni clinici di infezione osservati presso AO CTO/MariaAdelaide, di Torino, dal 2002 al 2010; 2) confrontare l’incidenza dei batteri coinvolti nelle infezioni riscontrate presso il nostro ospedale con i batteri storicamente descritti in letteratura; 3) segnalare la presenza di nuovi o diversi batteri coinvolti nelle BAI rispetto a quanto presente in letteratura.
Metodi. È stata effettuata una revisione delle forme cliniche di tutti i pazienti sottoposti a chirurgia per l’artroprotesi presso l’ AO CTO / Maria Adelaide, II Clinica Ortopedica nel periodo dal 2002 al 2010. I criteri di inclusione sono stati i seguenti: 1) il lavaggio chirurgico della cavità articolare per ematoma, gonfiore, flogosi e/o sospetto di infezione in seguito all’intervento di sostituzione protesica; 2) la rimozione della protesi e l’impianto di uno spacer; 3) la revisione della protesi per infezione o sospetto di infezione; 4) l’artrodesi; 5) l’amputazione.
Risultati. In 55 casi su 248 totali è stato identificato un batterio. In particolare: 14/101 revisioni totali d’anca, 17/81 revisioni totali di ginocchio, 6/9 lavaggi articolari dell’anca, 14/45 lavaggi articolari del ginocchio, 4/8 spacer di ginocchio.
Conclusioni. I batteri più frequentemente isolati da 248 campioni di PTA e di PTG sono risultati essere cocchi Gram-positivi: in particolare stafilococchi coagulasi-negativi (CNS), S. aureus, streptococchi ed enterococchi per l’artroprotesi d’anca e stafilococchi, enterococchi e streptococchi per l’artroprotesi del ginocchio. Prevenzione generale e particolare attenzione ai batteri più resistenti sono i punti chiave per ridurre la morbilità e di costi.

inizio pagina