Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 August;61(4) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 August;61(4):267-83

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  ARTHROPLASTY 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2010 August;61(4):267-83

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Aggiornamento sulle protesi di spalla

Rapuri V. R., Hattrup S. J.

Department of Orthopedic Surgery, Mayo Clinic Arizona, Phoenix, AZ, USA


PDF


L’impianto di protesi di spalla è indicata per un ampio numero di condizioni diagnostiche, comprese l’artrosi, l’artrite reumatoide, l’artrosi post-traumatica, l’artropatia da rottura della cuffia, l’osteonecrosi, il trattamento in acuto delle fratture dell’omero prossimale, e il fallimento di protesi già impiantate. Ognuno di questi gruppi etiologici presenta diverse gradazioni, per cui l’attenzione del chirurgo deve essere volta a ottimizzare i risultati del paziente. Inoltre, il chirurgo è chiamato a scegliere tra protesi parziale, con sostituzione della sola testa omerale, protesi totale e protesi inversa. L’impianto di protesi totale di spalla ha progressivamente dimostrato di offrire i risultati migliori per la spalla artrosica. Il ruolo della protesi inversa è in continua ascesa per le spalle affette da lesioni della cuffia dei rotatori e dei tessuti molli, nonostante alcune critiche sulla durata. Si dibatte sulla scelta tra protesi parziale e protesi inversa per le fratture complesse dell’omero prossimale. Una buona conoscenza delle informazioni attualmente disponibili in letteratura può aiutare il chirurgo della spalla nel processo decisionale.

inizio pagina