Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 December;60(6) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 December;60(6):583-94

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  ORTHOPEDIC TRAUMA UPDATE PARTE II 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 December;60(6):583-94

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Fratture periprotesiche di femore nell’artroplastica totale d’anca

Bingham D., Garino J., Lee G. C.

Department of Orthopedic Surgery, University of Pennsylvania School of Medicine Philadelphia, PA, USA


PDF


Le fratture periprotesiche del femore nell’artroplastica totale d’anca rappresentano una notevole sfida per i chirurghi e stanno diventando sempre più comuni vista la continua crescita della popolazione che si sottopone a questo tipo di intervento. Per un trattamento adeguato è necessario comprendere appieno i diversi quadri di frattura, le sue caratteristiche e le potenziali complicanze di ognuna. Gli Autori suggeriscono un algoritmo di trattamento basato sulla classificazione di Vancouver. Spesso le fratture attorno al trocantere possono essere trattate con modalità non chirurgiche. Le fratture che interessano una protesi stabile possono essere trattate con fissazione chirurgica, mentre quelle attorno ad uno stelo instabile necessitano di una combinazione tra fissazione della frattura e revisione con protesi a stelo lungo. Un sottotipo di fratture particolarmente problematiche combina uno stelo instabile con una significativa perdita di osso prossimale. Queste possono essere trattate con una protesi con stelo lungo, fissata distalmente, combinata con un allograft strutturale o un impaction grafting.

inizio pagina