Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2008 December;59(6) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2008 December;59(6):379-82

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

CASI CLINICI   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2008 December;59(6):379-82

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Occlusione dell’arteria e della vena poplitea dopo cerchiaggio metallico della parte distale del femore: descrizione di un caso clinico

Narin C., Ege E., Onoglu R., Yeniterzi M.

Selçuk University, Meram Medical School Department of Cardiovascular Surgery Konya, Turkey


PDF


Le complicanze vascolari nella chirurgia ortopedica non sono frequenti, ma possono essere gravi e occasionalmente possono portare all’amputazione dell’arto. Mentre le complicanze spontanee non sono direttamente dipendenti dalla procedura chirurgica, quelle iatrogene sono quelle provocate attivamente dalle manovre chirurgiche o dalla strumentazione utilizzata. Sebbene il danno vascolare durante il posizionamento di un cerchiaggio metallico rappresenti un rischio ben noto per tutti i chirurghi, è raro che avvenga e gli autori sono stati in grado di individuare un solo caso di danno all’arteria e alla vena femorale. Questo caso descrive la gestione chirurgica dell’occlusione dell’arteria e della vena poplitea dopo cerchiaggio metallico della parte distale del femore durante un intervento di sostituzione totale di ginocchio. Il trattamento chirurgico è stato eseguito sezionando l’arteria e i segmenti venosi intrappolati e realizzando un’anastomosi termino-terminale. Il chirurgo ortopedico deve porre attenzione al rischio prevalente di danno vascolare durante gli interventi chirurgici a carico del ginocchio e deve essere diligente e metodico durante la valutazione vascolare pre- e post-operatoria in questi pazienti.

inizio pagina