Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1):37-42

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1):37-42

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Modificazioni della silhouette e della flessibilità della colonna cervicale dopo discectomia singola per via anteriore e senza fusione intersomatica

Turtas S. 1, Zirattu G. 1, Zirattu F. 2

1 Neurosurgical Clinic University of Sassari, Sassari, Italy 2 Orthopaedic Clinics University of Sassari, Sassari, Italy


PDF


Obiettivo. Lo scopo dello studio consiste nella determinazione dell’influenza della discectomia cervicale per via anteriore senza fusione intersomatica sulla futura evoluzione della curvatura della colonna cervicale e della sua flessibilità.
Metodi. I dati ottenuti da 28 pazienti esaminati radiologicamente prima e dopo una discectomia cervicale monosegmentale sono stati elaborati statisticamente. Il reclutamento dei casi è avvenuto rispettando i seguenti punti: a) periodo di tempo di almeno 3 anni intercorso fra l’intervento e la valutazione radiologica; b) completezza dello studio radiologico della colonna cervicale (radiografia standard, flessione, estensione) sia prima che a distanza dalla discectomia; c) esclusione dei casi caratterizzati da segni radiologici dubbi per pseudoartrosi e/o instabilità postchirurgica. La misurazione della curvatura è stata effettuata con il metodo di Cobb modificato.
Risultati. A distanza dalla discectomia cervicale si manifesta una riduzione significativa della lordosi cervicale sia nella proiezione standard (P<0,01) che nell’estensione (P<0,0001). Al contrario, l’escursione in flessione appare aumentata dopo l’intervento (P<0,03). Inoltre, l’escursione della flesso-estensione mostra una significativa limitazione dopo l’intervento (P<0,005), in quanto l’incremento della flessione non riesce a compensare la maggiore amputazione dell’estensione.
Conclusioni. Gli Autori concludono che la discectomia cervicale senza fusione intersomatica attenua sia la lordosi della colonna cervicale che la sua flessibilità a distanza di oltre 3 anni dall’intervento. Tuttavia viene sottolineato che la tecnica suddetta appare più rispettosa della curvatura cervicale e dell’escursione della flesso-estensione in confronto ad altre tecniche chirurgiche con approccio per via anteriore e posteriore.

inizio pagina