Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1):27-31

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2007 February;58(1):27-31

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

Un nuovo sistema meccanico di navigazione per il posizionamento accurato dei componenti durante l’artroplastica totale d’anca

Iversen B. F. 1, 2, Levi N. 1, 3

1 Department of Orthopaedic Surgery Frederiksberg Hospital University of Copenhagen Copenhagen, Denmark 2 Department of Biomedical Engineering Institute of Orthopaedics University of London, London, UK 3 Department of Orthopaedic Surgery Sunderby Hospital Lulea, Sweden


PDF


Obiettivo. Il posizionamento dei componenti influenza criticamente la performance e la durata di una protesi totale d’anca e il malposizionamento dei componenti può provocare dislocazione, separazione, limitazione dei movimenti e aumento del logoramento del polietilene. L’utilizzo di guide meccaniche standard, spesso fornite dai produttori degli impianti, ha provocato grandi variazioni dell’inclinazione e del verso della fossa dell’acetabolo. La navigazione chirurgica guidata dal computer è stata utilizzata per migliorare l’accuratezza del posizionamento dei componenti. Tuttavia, vi sono state delle critiche riguardo questi nuovi dispositivi, principalmente rivolte ai costi aggiuntivi e alle procedure chirurgiche spesso difficili e lunghe da eseguire. In questo lavoro descriviamo un nuovo sistema meccanico di navigazione e ne valutiamo l’accuratezza.
Metodi. In 10 cadaveri è stata eseguita la protesi totale bilaterale d’anca. In un lato la protesi è stata inserita seguendo la procedura chirurgica standard, con l’obiettivo di orientare la fossa dell’acetabolo a 45° di abduzione con una somma totale di 30° di antiversione per la fossa dell’acetabolo e lo stem. Per l’anca controlaterale è stato utilizzato il nuovo sistema meccanico di navigazione.
Risultati. La deviazione mediana dai 30° previsti di antiversione è stata di 9° con la tecnica convenzionale (range: 1-23°). Con la nuova tecnica la deviazione mediana dai 30° previsti di antiversione è stata di 4° (range: 0-9°). La differenza è stata statisticamente significativa (P < 0,05).
Conclusioni. Questo studio su cadaveri ha evidenziato che il nuovo sistema meccanico di navigazione ha consentito un posizionamento più accurato della fossa dell’acetabolo.

inizio pagina