Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 December;57(6) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 December;57(6):531-8

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 December;57(6):531-8

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Protesi ortopediche e danno iatrogeno: considerazioni medico-legali

Malcontenti R. 1, Picchioni D. M. 1, Molinelli A. 1, Ventura F. 1, Becchetti F. 2, Franchin F. 2

1 Sezione di Medicina Legale Dipartimento di Medicina Legale, del Lavoro, di Criminologia e Psicologia Medica (DIMEL), Università degli studi di Genova, Genova 2 Clinica Ortopedica e Traumatologica Università degli Studi di Genova, Genova


PDF


Le articolazioni che sono più frequentemente sede di impianto protesico sono l’anca, il ginocchio, la spalla e il gomito.
Gli Autori analizzano le possibili complicanze degli interventi di protesizzazione, sottolineando eventuali profili di responsabilità professionale del medico.
Considerano, altresì, la valutazione del danno derivante da complicanze iatrogene e patologia iatrogena, atteso che la tutela del danno nel diritto penale ha per scopo la protezione dell’integrità fisico-psichica della persona come bene a sé stante, mentre nel diritto civile ha per scopo il risarcimento del danneggiato (si parla di danno biologico, danno patrimoniale e danno extrapatrimoniale) e, infine, nelle assicurazioni sociali riguarda l’infortunistica del lavoro e le malattie professionali, la causa di servizio, l’invalidità pensionabile e l’invalidità civile.

inizio pagina