Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 April;57(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 April;57(2):47-56

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

CASI CLINICI   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2006 April;57(2):47-56

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Dolore di spalla causato da osteoma osteoide intraspongioso epifisario

Boffano M., Martorano D., Regis G., Albertini U., Gallo A., Mosetto F., Sacco F., Faletti C., Brach del Prever E. M.

1 Dipartimento di Ortopedia e Traumatologia Unità Operativa Dipartimentale di Chirurgia Ortopedica Oncologica e Ricostruttiva ASO CTO, CRF, MA di Torino, Torino 2 Dipartimento di Diagnostica per Immagini Unità Operativa Autonoma di Radiologia Diagnostica ASO CTO, CRF, MA di Torino, Torino


PDF


L’osteoma osteoide (OO) è un tumore benigno dell’osso, la variante intraspongiosa epifisaria intrarticolare pone problemi di diagnosi e di trattamento. Scopo del lavoro è stato quello di definire le caratteristiche dell’imaging dell’OO intraspongioso intrarticolare e analizzarne il trattamento. Analisi di un caso di OO dell’omero prossimale trattato con termoablazione con radiofrequenze TCguidata senza complicanze. Ricerche bibliografiche utilizzando Pubmed, Scopus, Scirus, Guidelines Finder; parole chiave “osteoid osteoma, cancellous, intramedullary, epiphyseal, radiofrequency, laser, percutaneous” diversamente combinate. Criteri di inclusione: lingua inglese, francese, italiana; linee guida, studi prospettici a coorte, studi retrospettivi, studi caso controllo, review, case report. Gli OO intraspongiosi epifisari sono analizzati in 1 studio prospettico e 7 retrospettivi, 3 review, 12 case report o serie di casi. Il trattamento è valutato in 5 review, 1 linea guida, 19 studi prospettici a coorte, 4 studi retrospettivi, 1 studio caso controllo, 7 case report o serie di casi, 1 nota di tecnica, 1 descrizione di nuova tecnologia. L’OO intraspongioso intrarticolare è relativamente raro e deve essere identificato con RM o TC. La termoablazione con radiofrequenze TCguidata è meno invasiva, con minore incidenza di complicanze e un più rapido recupero rispetto all’asportazione chirurgica. La letteratura non riporta casi di termoablazione di OO intraspongiosi intrarticolari. Il sospetto clinico di OO in assenza di lesioni radiografiche deve essere approfondito con indagini di secondo livello (TC, RM). La termoablazione con radiofrequenze TC guidata è un procedimento di provata efficacia ed è indicato anche nella localizzazione epifisaria intraspongiosa.

inizio pagina