Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 February;56(1) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 February;56(1):1-10

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2005 February;56(1):1-10

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Correzione chirurgica del piede torto congenito: valutazione clinica, radiografica e strumentale a distanza dei risultati

Villani C., Fabiani G., Persiani P.

II Divisione Clinica Ortopedica Dipartimento di Scienze dell’Apparato Locomotore, Policlinico Umberto I, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Roma


PDF


Obiettivo. Il lavoro presenta un’esperienza decennale sul trattamento chirurgico del piede torto congenito. Descrive la tecnica chirurgica, la situazione clinica, radiografica e strumentale dei pazienti operati dopo un follow-up di 5 anni e 3 mesi. L’obiettivo consiste nel riportare e valutare i risultati clinici ottenuti.
Metodi. È stato condotto uno studio retrospettivo su pazienti affetti da piede torto congenito operati durante il periodo 1992-2002.
Risultati. Il fatto che piedi di eguale gravità, trattati con lo stesso protocollo ed operati da uno stesso chirurgo, possano andare incontro ad un destino diverso può far ipotizzare che il piede torto congenito idiopatico sia il sintomo di una sindrome più complessa.
Conclusioni. L’analisi condotta suggerisce l’esistenza di eventuali fattori eziologici muscolari o nervosi che possono condizionare in qualche modo la patologia. Il piede torto congenito, quindi, sembrerebbe costituire il sintomo di una sindrome più complessa.

inizio pagina