Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5):211-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2001 August-October;52(4-5):211-6

Copyright © 2001 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Trattamento incruento delle fratture dell’estremo prossimale dell’omero (Revisione critica dei nostri risultati)

Mariotti U., Bertignone L., Milano P., Sabra M.


PDF


Obiettivo. Le fratture prossimali dell'omero sono un'evenienza traumatologica frequente, ed il loro esito è spesso gravato da risultati insoddisfacenti, in particolare per ciò che riguarda la limitazione funzionale della spalla.
Metodi. Presso la I Divisione Ortopedica del CTO di Torino abbiamo ricontrollato una casistica di 350 pazienti, giunti all'osservazione per frattura dell'estremo prossimale dell'omero. Le lesioni sono state identificate secondo la classificazione di Neer.
Risultati. Abbiamo messo in rilievo i risultati ottenuti con il solo trattamento incruento (Desault, gesso pendente, tutore) valutandoli radiologicamente secondo Paavolainen e clinicamente utilizzando lo score di Constant.
Conclusioni. Alla luce dei risultati da noi rilevati ci pare di poter affermare che una più attenta valutazione radiologica iniziale debba far porre più frequentemente una indicazione chirurgica, sia essa di osteosintesi o di protesi.

inizio pagina