Home > Riviste > Minerva Ortopedica e Traumatologica > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 April;51(2) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 April;51(2):49-54

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2000 April;51(2):49-54

Copyright © 2000 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Trattamento chirurgico delle lesioni traumatiche del nervo peroniero (Esperienza su 64 casi)

Megaro A., De Filippo G., Fenu R., Tassi M., Pazzaglia U. E.


PDF


Obiettivo. È comune opinione che nelle paralisi post-traumatiche del nervo peroniero, in cui un recupero spontaneo clinico ed elettromiografico non avvenga entro 4-6 mesi, debba essere effettuata la revisione chirurgica della lesione. Le casistiche più recenti della Letteratura riportano percentuali di risultati positivi, dopo trattamento chirurgico, paragonabili a quelli degli altri nervi periferici, mentre in passato erano sempre stati riferiti risultati poco incoraggianti. Viene presentata la esperienza della Clinica Ortopedica della Università degli Studi di Brescia.
Metodi. In questo studio retrospettivo sono stati analizzati 64 casi di lesione traumatica del nervo peroniero profondo, trattati con diverse tecniche chirurgiche presso la Clinica Ortopedica della Università degli Studi di Brescia: 31 neurolisi, 20 innesti (di 5 cm in media), 9 neurotizzazioni muscolari dirette, 4 neurorrafie.
Risultati. Ad un follow-up medio di 5 anni sono stati ottenuti risultati positivi, intesi come recupero degli estensori utile al ritorno alla deambulazione senza zoppia, in 44 casi (68,75%). Il recupero postoperatorio è avvenuto in media dopo 14,5 mesi.
Conclusioni. Nella decisione all'indicazione chirurgica è fondamentale la valutazione del meccanismo lesivo e del reperto intraoperatorio, che utilizza anche i potenziali nervosi intraoperatori. Il trattamento chirurgico delle lesioni del nervo peroniero profondo deve essere eseguito, in assenza di recupero spontaneo, non oltre 3,5 mesi dalla comparsa delle paralisi. Nei pazienti di questa casistica trattati dopo più di 4 mesi, la percentuale di recupero è scesa dal 70% al 30%, rispetto al gruppo trattato più precocemente. Il tempo di recupero postoperatorio è imprevedibile e può essere considerevolmente lungo.

inizio pagina