Home > Riviste > Minerva Orthopedics > Fascicoli precedenti > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 October;60(5) > Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 October;60(5):431-6

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  ORTHOPEDIC TRAUMA UPDATE PART I 

Minerva Ortopedica e Traumatologica 2009 October;60(5):431-6

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Fratture della colonna toracica e lombare nel politraumatizzato. Il timing chirurgico influenza il risultato?

Schinkel C.

Department of Surgery, BG Kliniken Bergmannsheil, Ruhr University Bochum, Germany


PDF


La questione circa il timing ottimale della stabilizzazione chirurgica per i traumi spinali con o senza sintomi neurologici nei pazienti politraumatizzati rimane tuttora irrisolta. Non esiste un algoritmo e nessun approccio standardizzato per il trattamento – un fatto che potrebbe essere spiegato dalla complessità e dall’individualità del trauma. Non esiste alcun ampio trial clinico randomizzato multicentrico ben condotto, e questo mantiene le evidenze a un basso livello. Il trattamento chirurgico precoce entro i primi tre giorni dal trauma sembra essere preferito dalla maggior parte degli autori, per la minor durata del ricovero in terapia intensiva e in ospedale, le minori complicanze, e la migliore gestione economica. Non è stata ancora dimostrata una riduzione della mortalità in correlazione ad una stabilizzazione precoce. In generale, gli studi che riportano effetti positivi per la stabilizzazione precoce superano quelli che non mostrano alcun effetto o addirittura mostrano un effetto negativo sull’outcome. In base alla miglior evidenza scientifica e clinica attualmente disponibile, si può concludere che la stabilizzazione chirurgica, se necessaria, dovrebbe essere intrapresa il prima possibile, in particolare nei traumi spinali toracici instabili, tenuto conto dei limiti che vengono imposti dalle condizioni generali del paziente.

inizio pagina