Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2006 June;48(2) > Minerva Oftalmologica 2006 June;48(2):35-43

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Oftalmologica 2006 June;48(2):35-43

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Glaucoma secondary to uveitis. A retrospective study

Machetta F., Actis A. G., Rolle T., Grignolo F. M.

Section of Ophtalmology, Eye Clinic Department of Clinical Physiopathology University of Turin, Turin, Italy


PDF


L’associazione tra uveiti e glaucoma fu riportata per la prima volta nel 1813 da Joseph Beer , che descrisse un caso di “uveite artritica” con pupilla midriatica ed opacizzazione del vitreo.
Il glaucoma secondario all’uveite è un’entità clinica complessa risultante dalla combinazione di diversi meccanismi biochimici e cellulari inerenti il processo infiammatorio.
Abbiamo analizzato retrospettivamente le cartelle cliniche dei pazienti ricoverati con diagnosi di uveite presso la Clinica Oculistica dell’Università di Torino nel periodo compreso tra Gennaio 1998 e Giugno 2004.
Sono state esaminate le cartelle di 215 pazienti (114 maschi e 101 femmine) di età media pari a 46,96 anni (range 2-102). Sono stati selezionati i pazienti in cui fossero stati rilevati valori tonometrici di IOP > 21 mmHg (G) in due misurazioni consecutive e che avessero necessitato di terapie mediche croniche e/o chirurgiche per controllare l’ipertono. Di questi pazienti abbiamo raccolto i dati riguardati la IOP massima pre-trattamento, la presenza ipertono nella fase acuta dell’uveite, l’eventuale relazione con una terapia steroidea, la presenza di alterazioni perimetriche e papillari ed infine la terapia instaurata. Abbiamo escluso dal nostro studio i pazienti con anamnesi positiva per un preesistente glaucoma primario.
Tra i 215 pazienti (260 occhi) affetti da uveite ed esaminati in questo studio, il 25,58% (55 pazienti) ha presentato un rialzo transitorio della IOP nella fase acuta della flogosi
L’incidenza del glaucoma secondario alle uveiti da noi rilevata (8,37% dei pazienti e 8,07% degli occhi affetti da uveite) è risultata essere confrontabile con i valori riportati in letteratura (dal 5,2% al 19% sec. Moorthy e Coll. 1997).

inizio pagina