Home > Riviste > Minerva Obstetrics and Gynecology > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2015 October;67(5) > Minerva Ginecologica 2015 October;67(5):405-12

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

ORIGINAL ARTICLES   

Minerva Ginecologica 2015 October;67(5):405-12

Copyright © 2015 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Counseling per l’utilizzo di folati nella gravidanza

Guaraldi C. 1, Costantino M. 2, Costantino D. 3

1 Reparto di Ostetricia e Ginecologia, Ospedale di Valdagno, Vicenza, Italia; 2 Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, Università degli Studi di Ferrara, Ferrara, Italia; 3 Centro Salute Donna, Azienda AUSL Ferrara, Ferrara, Italia


PDF


OBIETTIVO: In ginecologia, l’importanza dell’adeguato apporto di folati nel periodo periconcezionale e gestazionale, allo scopo di diminuire il rischio di patologie materno-fetali come i difetti del tubo neurale (DTN), è ampiamente riconosciuta, tanto che in Italia la supplementazione con folati (0,4 o 4-5 mg/giorno, secondo fabbisogno) in donne gravide o che pianificano una gravidanza è fortemente raccomandata. Ciò nonostante, recenti indagini rivelano la scarsa consapevolezza nelle donne dell’importanza della supplementazione, soprattutto nel periodo periconcezionale. Sulla base di queste considerazioni, è stato svolto un sondaggio su donne in gravidanza con l’obiettivo di analizzare la conoscenza del ruolo dei folati in ginecologia e l’effettivo ricorso alla supplementazione.
METODI: Tra gennaio ed ottobre 2014 sono state intervistate 650 donne gravide, utilizzando un questionario con domande chiuse e semichiuse.
RISULTATI: L’ertà media delle donne intervistate era 32,8 (±2,9). I risultati dell’indagine mostrano che un significativo numero di donne era a conoscenza dei benefici dell’acido folico in gravidanza (circa 70%) e ne ha fatto uso durante il periodo gestazionale (89,8%), mentre è risultato inadeguato il ricorso alla supplementazione nel periodo periconcezionale, a cui ha fatto riscorso soltanto il 16,9% delle donne, e a volte con dosaggio inferiore a quello raccomandato.
CONCLUSIONI: Il grado di consapevolezza e il ricorso a un’efficace supplementazione potrebbero essere favoriti da campagne di informazione presso i MMG e gli specialisti di ostetricia/ginecologia, da interventi di counseling periconcezionale e prenatale a scopo informativo, e di risk assessment per la scelta della tipologia e del dosaggio di folati più opportuni.

inizio pagina