Home > Riviste > Minerva Obstetrics and Gynecology > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2015 February;67(1) > Minerva Ginecologica 2015 February;67(1):21-34

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

REVIEW   

Minerva Ginecologica 2015 February;67(1):21-34

Copyright © 2015 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Mestruazione, infiammazione e comorbilità: implicazioni per la salute della donna

Graziottin A. 1, 2, Zanello P. P. 2

1 Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica, Ospedale San Raffaele Resnati, Milano, Italia; 2 Fondazione Graziottin per la cura del dolore nella donna‑Onlus Milano, Italia


PDF


La mestruazione è l’epifenomeno genitale di eventi endocrini sistemici. L’eterogeneità dei sintomi perimestruali ha una solida base biologica, legata al livello di infiammazione attivata a livello genitale e sistemico dalla caduta estrogenica premestruale. Obiettivo del presente lavoro è analizzare le evidenze su: 1) correlati endocrini e infiammatori, genitali e sistemici, che sottendono la mestruazione e sintomi perimestruali “catameniali”; 2) razionale fisiopatologico di intervento per ridurli e migliorare la salute mestruale della donna. La coincisa analisi della letteratura con una prospettiva clinica utile al ginecologo evidenzia e supporta la base infiammatoria della mestruazione, attivata dalla caduta di estrogeni e di progesterone. Inoltre, la review analizza concisamente la base endocrina e infiammatoria di sintomi pelvici ed extrapelvici mestruali e perimestruali quali: dolore e irregolarità mestruali, dismenorrea, sintomi gastrointestinali, cefalea, depressione, mialgia, artralgia, allergie e asma, cicli mestruali abbondanti, anemia sideropenica e alle modificazioni associate cerebrali e comportamentali. L’infiammazione, con aumento di citochine e altri marker, è sottesa dalla degranulazione dei mastociti a livello dello strato basale dell’endometrio, nel sangue, negli organi in cui i mastociti siano già attivati per patologie locali, e nel cervello. Il viraggio dell’infiammazione da fisiologica a patologica aumenta la gravità dei sintomi perimestruali, che persistono, seppur attenuati, anche nell’intervallo senza ormoni (hormone free interval, HFI) durante la contraccezione ormonale. La riduzione dell’HFI da sette a due giorni riduce l’infiammazione mestruale e i sintomi ad essa associata.

inizio pagina