Home > Riviste > Minerva Obstetrics and Gynecology > Fascicoli precedenti > Minerva Ginecologica 2011 June;63(3) > Minerva Ginecologica 2011 June;63(3):247-59

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

  NOVITÀ 2011 IN GINECOLOGIA 

Minerva Ginecologica 2011 June;63(3):247-59

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Innovazioni nel trattamento conservativo dell’ endometriosi: review aggiornata

Ruhland B., Agic A., Krampe J., Diedrich K., Hornung D.

University of Schleswig-Holstein, Campus Luebeck, Luebeck, Germany


PDF


L’endometriosi è un disturbo ginecologico comune, benigno e cronico. Si tratta anche di un disordine estrogeno-dipendente che può portare a dismenorrea non trattabile, per periodi sostenuti e/o irregolari, a movimenti intestinali e minzione dolorosa durante le mestruazioni, a infertilità e infine a ripetuti interventi chirurgici. Sebbene gli interventi chirurgici per asportare le lesioni endometriali siano efficaci nell’alleviare il dolore associato all’endometriosi, i tassi di ricorrenza sono alti e molte donne richiedono terapie mediche costanti per controllarne i sintomi. L’alleviamento dei sintomi tramite palliazione del dolore e ottimizzazione della qualità della vita dovrebbe essere lo scopo principale della terapia medica. Sono oggi disponibili diverse opzioni di trattamenti farmacologici. La terapia medica per l’endometriosi più diffusa utilizza gli agonisti dell’ormone liberante gonadotropina (GnRH) e i contraccettivi orali. Sono, inoltre, utilizzati i derivati progestinici e gli androgeni. Nuove possibilità di terapia tramite i modulatori selettivi del recettore del progesterone (SPRMs), gli inibitori dell’aromatasi (AI), gli antagonisti del GNRH, gli inibitori della ciclossigenasi (COX)-2, il disgregatore dell’angiogenesi e gli immunomodulatori sono sempre sotto analisi. Sebbene questi nuovi agenti siano promettenti, sono richieste ulteriori conferme da parte di studi clinici randomizzati.

inizio pagina