Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2018 December;138(3-4) > Minerva Medicolegale 2018 December;138(3-4):30-3

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo
Share

 

CASE REPORT   

Minerva Medicolegale 2018 December;138(3-4):30-3

DOI: 10.23736/S0026-4849.18.01778-9

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Miasi cutanea da Lucilia sericata (Meigen, 1826) (Diptera: Calliphoridae) e insuccesso nell’utilizzo delle isomegale per la determinazione del tempo minimo di colonizzazione

Moreno DUTTO 1 , Stefano VANIN 2

1 Department of Prevention, Hygiene Service and Public Health, ASL CN1, Cuneo, Italy; 2 School of Applied Sciences, University of Huddersfield, Huddersfield, UK



La colonizzazione dei tessuti di vertebrati vivi da parte di larve di insetti dell’ordine dei ditteri (Insecta, Diptera) - miasi - è oggetto di numerosi studi e ha ripercussioni dirette sul sistema sanitario specialmente quando esse avvengono in contesti ospedalieri. L’intervallo temporale in cui l’infestazione è avvenuta è stimabile una volta conosciuta la temperatura a cui gli esemplari sono esposti, nel caso specifico la temperatura dell’ospite, e il livello di sviluppo delle larve. Nel presente lavoro viene descritto un caso di miasi cutanea dovuta a Lucilia sericata (Diptera: Calliphoridae) in un paziente diabetico e viene discusso come, in assenza di dati morfometrici che permetterebbero l’utilizzo di diagrammi dimensione/tempo, la stima del tempo di sviluppo si possa basare su valutazioni relative allo stadio di sviluppo. Altre problematiche relative all’effetto dei farmaci e all’accuratezza della misura della temperatura nell’area di infestazione sono altresì discusse.


KEY WORDS: Larva - Myiasis - Ulcer - Temperature - Skin

inizio pagina