Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2018 December;138(3-4) > Minerva Medicolegale 2018 December;138(3-4):30-3

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

CASE REPORT   

Minerva Medicolegale 2018 December;138(3-4):30-3

DOI: 10.23736/S0026-4849.18.01778-9

Copyright © 2018 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Miasi cutanea da Lucilia sericata (Meigen, 1826) (Diptera: Calliphoridae) e insuccesso nell’utilizzo delle isomegale per la determinazione del tempo minimo di colonizzazione

Moreno DUTTO 1 , Stefano VANIN 2

1 Department of Prevention, Hygiene Service and Public Health, ASL CN1, Cuneo, Italy; 2 School of Applied Sciences, University of Huddersfield, Huddersfield, UK



La colonizzazione dei tessuti di vertebrati vivi da parte di larve di insetti dell’ordine dei ditteri (Insecta, Diptera) - miasi - è oggetto di numerosi studi e ha ripercussioni dirette sul sistema sanitario specialmente quando esse avvengono in contesti ospedalieri. L’intervallo temporale in cui l’infestazione è avvenuta è stimabile una volta conosciuta la temperatura a cui gli esemplari sono esposti, nel caso specifico la temperatura dell’ospite, e il livello di sviluppo delle larve. Nel presente lavoro viene descritto un caso di miasi cutanea dovuta a Lucilia sericata (Diptera: Calliphoridae) in un paziente diabetico e viene discusso come, in assenza di dati morfometrici che permetterebbero l’utilizzo di diagrammi dimensione/tempo, la stima del tempo di sviluppo si possa basare su valutazioni relative allo stadio di sviluppo. Altre problematiche relative all’effetto dei farmaci e all’accuratezza della misura della temperatura nell’area di infestazione sono altresì discusse.


KEY WORDS: Larva - Myiasis - Ulcer - Temperature - Skin

inizio pagina