Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2017 March;137(1) > Minerva Medicolegale 2017 March;137(1):7-17

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Publication history
Estratti
Permessi
Per citare questo articolo

 

SPECIAL ARTICLE   

Minerva Medicolegale 2017 March;137(1):7-17

DOI: 10.23736/S0026-4849.16.01760-0

Copyright © 2016 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Linee guida e responsabilità professionale medica: un rapporto complesso alla luce delle novità legislative

Anna APRILE, Matteo BOLCATO, Alice C. MANETTI, Daniele RODRIGUEZ

Dipartimento di Medicina Molecolare, Sede di Medicina Legale, University of Padua, Padua, Italy


PDF


L’evoluzione giurisprudenziale e normativa del tema della responsabilità professionale medica non è stata lineare in Italia negli ultimi decenni. Recentemente, il Legislatore ha introdotto tramite la legge Balduzzi alcune novità, con l’obiettivo di riordinare la materia. È stata condotta un’analisi della casistica sul contenzioso medico-legale afferente ad un’Azienda Ospedaliera del Veneto nel periodo tra novembre 2012 e dicembre 2015, con l’obiettivo di valutare se le citate novità normative abbiano influenzato la gestione del predetto contenzioso. Oggetto della ricerca sono stati i riferimenti, nella documentazione relativa al contenzioso: all’aderenza a raccomandazioni contenute in linee guida, all’imperizia, alla colpa grave. È risultato che, nell’arco di tempo esaminato: il riferimento a linee guida è aumentato, a riprova del fatto che le indicazioni della legge Balduzzi hanno iniziato ad essere integrate nel ragionamento sulla responsabilità medica; gli espliciti addebiti di imperizia si sono ridotti, anche nei casi in cui la stessa avrebbe dovuto essere necessaria conclusione delle tesi del ricorrente; la menzione della eventuale colpa grave è quasi sempre evitata. Non è prevedibile lo sviluppo futuro: in tema di colpa grave e di imperizia si prospettano orientamenti diversificati che fanno capo, da un lato, al ddl 2224 cosiddetto Gelli attualmente in discussione in Senato e, dall’altro lato, ad un nuovo orientamento giurisprudenziale introdotto dalla Corte di Cassazione, sez. IV penale, con sentenza 6 giugno 2016, n. 23283.


KEY WORDS: Legal liability - Guidelines as topic - Clinical competence - Malpractice

inizio pagina