Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2013 December;133(4) > Minerva Medicolegale 2013 December;133(4):231-40

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi PROMO
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

  PREVEDERE PER PREVENIRE PER INTERVENIRE: NUOVE VOCI PER LA MEDICINA LEGALE PIEMONTESE 

Minerva Medicolegale 2013 December;133(4):231-40

Copyright © 2014 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Stalking: il punto di vista del medico legale

Bioletti C.

Libero professionista, Specialista medico‑legale, Torino e Cuneo, Italia


PDF


La violazione della libertà personale operata mediante stalking può condurre a reazioni psichiche delle vittime, a volte tali da comportare un vero e proprio disturbo psicopatologico e rendere necessaria un’indagine medico-legale di valutazione del danno alla persona. Tali comportamenti intrusivi e indesiderati hanno recentemente trovato una specifica definizione normativa con la Legge 23 aprile 2009 n. 38, che ha introdotto nell’ordinamento penale italiano il reato di “atti persecutori”. L’autore analizza alcuni aspetti del “nuovo” reato per poi definire quelli che sono i risvolti di interesse medico legale in tema di risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale. Si evidenzia come il ruolo importante del medico legale non sia tanto quello di stabilire se un’alterazione dell’integrità psichica sia o meno riconducibile a una determinata entità patologica, bensì quello di raccogliere e analizzare più informazioni possibili circa le conseguenze negative determinate dall’evento dannoso, illustrandone la gravità e la compatibilità con le lesioni riportate.

inizio pagina