Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2009 August;129(3) > Minerva Medicolegale 2009 September;129(3):119-25

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

REVIEW   

Minerva Medicolegale 2009 September;129(3):119-25

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il contributo dell’indagine immunoistochimica nella diagnosi di mesotelioma pleurico

Manzoni S., Poglio A., Tiboni F., Restori M.

Istituto di Medicina Legale di Brescia, Brescia, Italia


PDF


Obiettivo. Negli ultimi anni, in molti paesi industrializzati e in Italia, si sta assistendo ad un costante incremento delle patologie asbesto-correlate e, nonostante le normative promulgate a fini preventivi, le situazioni a rischio e le categorie esposte rimangono ancore numerose. Nel presente lavoro si è voluto testare l’accuratezza diagnostica di alcuni marcatori immunoistochimici di mesotelioma pleurico (citocheratina 5/6 e calretinina) per una eventuale applicazione a fini diagnostici, sia clinici, che anatomopatologici.
Metodi. Sono stati analizzati frammenti di tessuto pleurico e polmonare, prelevati in corso di autopsia giudiziaria, da 36 soggetti deceduti per sospetto mesotelioma (30 casi con diagnosi certa in vita), utilizzando per l’indagine immunoistochimica anticorpi monoclonali anticitocheratina umana 5/6 e anticalretinina umana.
Risultati. Trentun casi sono risultati positivi per la citocheratina 5/6, mentre solo 24 casi per la calretinina; si è osservata una sensibilità per la citocheratina pari al 95% e per la calretinina pari al 79%, mentre la specificità per la citocheratina è risultata del 66% e per la calretinina del 100%.
Conclusioni. Il livello di sensibilità e specificità osservato, ha confermato sia l’affidabilità degli anticorpi testati sia la necessità, per una maggiore attendibilità del dato immunoistochimico, dell’impiego combinato di più anticorpi.

inizio pagina