Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2008 December;99(6) > Minerva Medica 2008 December;99(6):535-7

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi

 

ARTICOLI ORIGINALI   

Minerva Medica 2008 December;99(6):535-7

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Efficacia della stimolazione con acupressione del punto HT 7 nel trattamento dell’insonnia in pazienti oncologici o affetti da patologie non neoplastiche

Cerrone R., Giani L., Galbiati B., Messina G., Casiraghi M., Proserpio E., Meregalli M., Trabattoni P., Lissoni P., Gardani G.

Department of Radiotherapy and Oncology San Gerardo Hospital, Monza, Milan, Italy


PDF


Obiettivo. L’induzione del sonno sembra dipendere dall’interazione tra il sistema gabaergico e la ghiandola pineale attraverso il suo ormone melatonina (MLT). Fino a pochi anni fa le benzodiazepine erano i soli farmaci efficaci nel trattamento dell’insonnia. Recentemente, invece, sia la melatonina sia l’acupressione sembrano essere attive sui disturbi del sonno. Scopo dello studio è valutare l’efficacia dell’acupressione del punto HT 7 nell’insonnia.
Metodi. Lo studio ha incluso 25 pazienti affetti da disturbi del sonno, di cui 14 con malattia neoplastica. I pazienti sono stati trattati con la stimolazione del punto HT 7 per almeno due settimane consecutive mediante un dispositivo medico denominato H7 Insomnia Control®.
Risultati. Un miglioramento nella qualità del sonno è stato ottenuto da 15/25 (60%) pazienti, con una più evidente efficacia nei pazienti oncologici (11/14 [79%).
Conclusioni. Questo studio conferma precedenti dati clinici che dimostrano l’efficacia dell’acupressione nel trattamento dei disturbi del sonno, in particolare nell’insonnia connessa al cancro.

inizio pagina