Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2006 August;97(4) > Minerva Medica 2006 August;97(4):313-24

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

REVIEW  CLINICAL ADVANCES IN HYPERTENSION 

Minerva Medica 2006 August;97(4):313-24

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Ipertensione nefrovascolare: concetti clinici

Fenves A. Z. 1, Ram C. V. S. 2

1 Nephrology Division Baylor University Medical Center, Dallas, TX, USA 2 Texas Blood Pressure Institute Dallas Nephrology Associates University of Texas Southwestern Medical Center Dallas, TX, USA


PDF


L’ipertensione arteriosa è una patologia frequente nella pratica clinica ed è un’importante causa di grave morbilità e di morte prematura. Una piccola proporzione di pazienti ipertesi (<5%) può avere un’ipertensione nefrovascolare. In senso stretto, il termine ipertensione nefrovascolare dovrebbe essere applicato solo quando l’aumento pressorio è la conseguenza di un’ischemia renale. Pertanto, la mera presenza di stenosi dell’arteria renale non è sinonimo di ipertensione nefrovascolare. La terapia dovrebbe pertanto essere mirata alla presenza di ipertensione nefrovascolare e non a una semplice stenosi anatomica di un’arteria renale, che può anche essere scoperta casualmente. L’approccio clinico all’ipertensione nefrovascolare è spesso impreciso. Questo articolo discuterà la fisiopatologia dell’ipertensione nefrovascolare e l’approccio clinico al paziente con stenosi dell’arteria renale.

inizio pagina