Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2005 December;96(6) > Minerva Medica 2005 December;96(6):397-408

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

REVIEW   

Minerva Medica 2005 December;96(6):397-408

Copyright © 2005 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Lo screening preoperatorio di laboratorio

Lippi G., Montagnana M., Mattiuzzi C., Franchini M., Alberti V., Guidi G. C.


PDF


Lo screening preoperatorio di laboratorio è molto diffuso nella pratica clinica ed è tradizionalmente definito come processo di prescrizione d'esami di laboratorio in pazienti che devono essere sottoposti a procedure chirurgiche di varia natura. L'eterogeneità delle soluzione prospettate nel corso degli anni enfatizza la difficoltà oggettiva nel redigere linee guida e raccomandazioni definitive e universalmente applicabili. Malgrado la diffusione, un'analisi sistematica sui benefici in termini clinici e di costo/beneficio dei comuni test di laboratorio dimostra che molte soluzioni prospettate sono inadeguate, poiché la richiesta di analisi inappropriate può indurre approfondimento diagnostico di risultati dubbi o falsamente positivi. Tre maggiori difficoltà si riconoscono nella formulazione di raccomandazioni definitive: articolazione e appropriatezza dei protocolli diagnostici, contestualizzazione, soprattutto in termini di procedure chirurgiche e contesti clinici idonei dai quali trarre i maggiori vantaggi dai risultati delle analisi di laboratorio, e impatto dei suddetti test nella gestione clinica e nella prognosi. Quest'articolo si propone di presentare un'ampia revisione della letteratura attuale sull'argomento, proponendo un approccio razionale al discusso problema dello screening preoperatorio.

inizio pagina