Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2003 June;94(3) > Minerva Medica 2003 June;94(3):157-66

ULTIMO FASCICOLO
 

JOURNAL TOOLS

Opzioni di pubblicazione
eTOC
Per abbonarsi
Sottometti un articolo
Segnala alla tua biblioteca
 

ARTICLE TOOLS

Estratti
Permessi
Share

 

REVIEW   

Minerva Medica 2003 June;94(3):157-66

Copyright © 2003 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Mediatori infiammatori umorali e cellulari dell’Acute Lung Injury: amici o nemici?

Buccelletti F., Mazzone M., Portale G., Forte P., Bononi F., Mirabella C., Travaglino F., Gentiloni Silveri N.


PDF


Il danno infiammatorio diffuso polmonare (Diffuse Lung Injury, DLI) è caratterizzato da un danno dell'epitelio alveolare ed endoteliale che conduce ad un'insufficienza respiratoria acuta. Tale processo patologico, dal punto di vista istologico procede attraverso un'iniziale fase essudativa, a cui fa seguito l'organizzazione dell'infiltrato infiammatorio, fino alla deposizione di collagene e fibrina che compromettono gravemente gli scambi gassosi.
L'espressione clinica tipica di questa patologia è costituita dall'Acute Lung Injury/Acute Respiratory Distress Syndrome (ALI/ARDS) caratterizzato da ipossiemia resistente all'ossigenoterapia, tachipnea e dalla presenza di infiltrati bilaterali alla radiografia del torace convenzionale.
Sebbene l'eziologia sia multifattoriale, la patogenesi dipende dall'attivazione incontrollata del sistema dell'infiammazione nelle sue componenti umorale e cellulare.
Nel presente lavoro sono stati presi in esame i principali studi relativi ai mediatori più importanti. Dall'analisi della letteratura emerge che alcune citochine (IL-1b, IL-6, IL-6ra) e mediatori cellulari (NF-kB, sFasL) sono responsabili del danno epiteliale, attraverso meccanismi complessi che includono anche l'apoptosi. Gli studi effettuati fino ad oggi non hanno però evidenziato ancora alcun pathway indipendente e decisivo par la patogenesi. Questo dimostra che l'infiammazione è in realtà un processo multiforme che si origina proprio per la mutua interazione dei fattori in essa implicati. I mediatori umorali e cellulari possono comunque essere usati come indicatori clinici, correlabili con l'outcome clinico e fisiopatologico.

inizio pagina